#NOVIOLENZA #DONNE – VOCE AI GIOVANI. UNA GARA DI IDEE E “DONNE FUORI SCENA”

3 giugno 2013 | 0 commenti

Si è concluso il 24 maggio il concorso sul tema “#NOVIOLENZA #DONNE – VOCE AI GIOVANI. UNA GARA DI IDEE”, promosso dall’AIED (Associazione Italiana per l’Educazione Demografica) di Roma e dalla COCOON PROJECTS.Il concorso ha coinvolto 140 ragazzi e ragazze (119 donne e 21 uomini dai 18 ai 29 anni), e i progetti presentati sono stati 60 provenienti da 33 città italiane.

É la prima volta che ciò avviene in Italia, ed abbiamo avuto modo così di conoscere su una problematica attualissima e drammatica, il pensiero e le proposte dei giovani. Riteniamo che questo abbia un vero e proprio significato politico, culturale e sociale, che merita di essere rilevato ed analizzato.

Risulta di particolare interesse il fatto che i progetti presentati sono tutti molto diversi tra loro, ma alcuni aspetti ritornano frequentemente. Infatti, la maggior parte di essi prevede la necessità di creare attività in cui i ragazzi siano coinvolti molto di più, e in cui le scuole abbiano un ruolo centrale. Comune è l’attenzione a non lasciare sola chi ha subìto violenza, ma curarne -invece- l’accompagnamento e la tutela.

Torna spesso l’importanza di organizzare una più fitta ed efficace rete di supporto e di contrasto da parte di istituzioni, forze dell’ordine, associazioni, centri antiviolenza. Infine, l’aspetto che colpisce, emerso da questo concorso che potrebbe essere assimilabile ad una ricerca, è il rifiuto dei giovani della visione vittima/carnefice, in quanto entrambi considerati parte di una società malata in cui un’educazione sbagliata, falsi valori e il perpetuarsi di vecchi stereotipi portano ai comportamenti ed ai fatti che sono cronaca quotidiana.

Donne fuori scena”  proposto da un team di 3 ragazze romane si è aggiudicato il premio di 10.000 euro, 3.000 euro in contanti e 7.000 euro in servizi di supporto alla definizione e all’avvio dei progetti erogati da COCOON PROJECTS per i tre mesi successivi all’evento.

“Siamo molto soddisfatti del lavoro compiuto – ha affermato il presidente dell’AIED di Roma, Luigi Laratta – perché abbiamo ascoltato la voce dei giovani, quasi sempre assente sui mezzi di comunicazione. Abbiamo così appreso e capito punti di vista differenti, un approccio nuovo alla violenza contro le donne e il femminicidio, di cui occorre senz’altro tener conto per una più completa e moderna visione del problema e di come contrastarlo”. 

 

Link utili: La Stampa,  La Repubblica


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *